Salta al contenuto principale

L'ambiente del bagno è un piccolo biotopo domestico. In esso si trovano le condizioni perfette per vari tipi di microrganismi. Non c'è quindi da stupirsi se, nonostante tutti i progressi moderni, la muffa non è scomparsa dalle case. Come tenerla sotto controllo?
 

La muffa: perché proprio nel bagno?

Come già accennato nell'introduzione, l'ambiente del bagno è un perfetto habitat "naturale", nonostante si trovi nella nostra abitazione e non in natura. Le muffe sono del tutto indifferenti a questo fatto, cercano solo un luogo in cui possano avere condizioni di vita favorevoli e nutrimento a sufficienza. I bagni offrono tutto questo in abbondanza, in quanto tendono a essere umidi, generalmente caldi e anche con un regolare apporto di sostanze nutritive per i microrganismi: non solo la solita sporcizia domestica, ma anche particelle microscopiche di pelle, capelli, peli, residui di saponi, oli o shampoo, grasso di creme, trucco... Solo per completezza, ricordiamo che le muffe sono essenzialmente funghi microscopici filamentosi che si diffondono attraverso l'aria, l'acqua, ma non esitano a utilizzare come mezzo di trasporto anche gli insetti. Una volta trovato uno spazio adatto, vi si insediano.

La muffa nel bagno non è solo un difetto estetico

shutterstock_757525657.jpg

La muffa nel bagno, che si trovi nelle fughe, sulle pareti o sul soffitto, non è solo un elemento antiestetico, ma in molti casi può essere anche un pericolo per la salute. Può infatti provocare diverse reazioni allergiche, scatenare attacchi d'asma, creare infiammazioni nell'organismo. Molte muffe sono anche cancerogene, ovvero aumentano il rischio di cancro. Le muffe amano anche invadere le vie respiratorie e di conseguenza influenzare negativamente la circolazione sanguigna e minacciare il cuore o il cervello. Come eliminare la muffa dal bagno?

Come pulire la muffa in bagno

Non promettiamo che la muffa dal bagno scomparirà dopo il primo trattamento, la lotta è di solito più a lungo termine ed è necessaria la vostra perseveranza. La muffa non ama abbandonare il proprio territorio. Di cosa avete bisogno per combatterla? Idealmente guanti protettivi, un panno in microfibra e un vecchio spazzolino da denti. Per le aree più grandi, potete anche scegliere spazzole speciali. Fate però attenzione alla durezza delle setole per non danneggiare gli strati protettivi degli elementi del bagno (che siano piastrelle, sanitari o paraventi). Se sul silicone sono presenti muffe, la pulizia deve essere ancora più "delicata".

čistící pomůcky

Come gestire la muffa nelle fughe, in bagno e non solo 

Uno strumento fondamentale che abbiamo comunemente in casa è l'aceto, che neutralizza fino all'80% di tutte le muffe. Mescolatelo in un rapporto di 1:4 in un flacone spray e spruzzatelo sulle aree interessate. Lasciate agire per un po' e poi strofinate. Fate attenzione ai siliconi, perché possono sfaldarsi o strapparsi, lasciando spazio a un altro problema. Più che la forza, occorre perseveranza. Ad esempio, contro le macchie nere sono efficaci la candeggina o un normale smacchiatore (che contiene meno candeggina). La muffa nera in bagno di solito scompare dopo un trattamento con bicarbonato di sodio e candeggina. Mescolate un sacchetto di sale da cucina con la candeggina per ottenere una mistura più densa. Applicatela quindi sulle aree interessate (di solito la muffa nelle fessure e la muffa sul silicone del bagno) e lasciate agire per 30 minuti. Risciacquate quindi in parte e strofinate di nuovo meccanicamente con un panno o una spazzola finché non si è soddisfatti. I moderni consigli delle "vecchie comari" prevedono l'uso del dentifricio (ha un effetto abrasivo e detergente). Si segue la stessa procedura dell'impasto di soda e candeggina. Per pulire la muffa nel bagno è possibile utilizzare anche un pulitore a vapore con spazzola.

plíseň ve spárách

Muffa nel bagno: sulle pareti o sul soffitto

shutterstock_1043865499.jpg

Se la muffa si è già diffusa oltre le piastrelle (sulla parete o sul soffitto), è necessario affidarsi a prodotti speciali. Il primo passo è quello di arieggiare bene la stanza. Se vivete in un condominio, occorrerebbe visitare i vicini sopra di voi per verificare se l'umidità non si stia infiltrando da loro verso di voi. Se la parete del bagno è direttamente adiacente a una parete esterna, questo trattamento é indicato. La muffa sulla parete del bagno, o anche quella sul soffitto, viene di solito rimossa prima "meccanicamente", cioè raschiata, e poi trattata chimicamente con prodotti speciali. Il problema della muffa è che si sviluppa attraverso l'abitazione. Pertanto, se il problema si ripresenta a lungo termine, è necessario rinnovare le aree interessate, in genere intonaci e siliconi.

Come combattere la muffa nel bagno? 3 passi per la prevenzione

  1. Arieggiate regolarmente. Poiché pochi sono i bagni dotati di finestra, investite in una buona ventilazione. Arieggiare attraverso la porta di solito non è sufficiente. Dopo un bagno caldo con molto vapore, pulite le piastrelle e la vasca o la doccia.

  2. Pulizie regolari. La sporcizia di ogni tipo è un alimento molto appetibile per le muffe. Pulendo regolarmente, si riduce al minimo il rischio che si insedino. L'importante è scegliere il prodotto giusto e non dimenticare le zone a rischio come gli angoli, i bordi e le giunture, gli spazi "tra" e "dietro" e anche intorno ai rubinetti. Utilizzate di tanto in tanto degli spray all'aceto.

  3. Attenzione agli asciugamani bagnati. Naturalmente, questi saranno presenti in bagno, ma scegliete degli stendini adatti e non gettateli sopra la vasca da bagno o lasciateli a contatto diretto con le piastrelle per lunghi periodi di tempo; l'ideale sarebbe asciugarli fuori dalla stanza.

Prodotti correlati

3,68 € IVA inc.
Disponibili > 100 pz
Avvio spedizione il giorno successivo
66,97 € IVA inc.
Disponibili 5 pz
Avvio spedizione il giorno successivo
94,96 € IVA inc.
Disponibili 3 pz
Avvio spedizione il giorno successivo
Torna su