Salta al contenuto principale

A tutti piace spalancare le finestre in estate, ma in inverno quasi nessuno lo vuole fare. Tuttavia, la ventilazione è importante tutto l'anno. Non si tratta solo di scambiare aria viziata con aria fresca, la ventilazione può regolare l'umidità e prevenire eventuali muffe. Non è un caso che i virus prosperino molto meglio in inverno che in estate: possono insediarsi in ambienti caldi e umidi, dove l'uomo sapiens trascorre un tempo sproporzionato.

Eppure esiste una soluzione che consente un continuo ricambio d'aria senza il vento freddo che soffia dall'esterno. Si chiama recupero di calore e presenta molti vantaggi.

Come funziona il recupero di calore

Gli scambiatori di calore a recupero sono solitamente installati direttamente nelle unità di ventilazione. Il recupero di calore può essere implementato in quasi tutti i tipi di edifici, funziona difatti altrettanto bene in una vecchia casa che in un edificio nuovo. E così come il recupero di calore sostituisce la ventilazione nelle abitazioni, è vantaggioso anche per gli edifici industriali, gli uffici, le banche o le piscine.

breathe easy.jpg

Il recupero di calore nella ventilazione utilizza l'energia dell'aria che si vuole far uscire dall'edificio, la quale preriscalda l'aria fresca esterna, che viaggia in direzione opposta. Il sistema è così sofisticato che, per entrambi i tipi di aria, consente solo lo scambio di calore e non di particelle trasportate dall'aria. L'aria fresca che entra in cucina, in bagno o in soggiorno può essere a una temperatura confortevole, quasi ambiente, ma è comunque l'aria fresca e sana che voi e la vostra famiglia volete respirare.

Miti associati al recupero di calore 

"Il recupero è adatto solo per le case passive"

modern passive house.jpg

È vero che il recupero di calore è qualcosa di quasi automatico nelle case passive - senza questa tecnologia una casa passiva non potrebbe raggiungere i parametri necessari e difficilmente anche i valori per un'abitazione a basso consumo energetico. Questo però non significa che il recupero di calore non sia adatto ad altri edifici. È sufficiente che la casa sia isolata e abbia finestre nuove. Potrete quindi installare il recupero di calore e godere di una tecnologia sana che vi consentirà di risparmiare.

"Il recupero di calore è rumoroso e dà fastidio."

control.jpg

Così come le lavatrici e gli aspirapolvere sono migliorati e sono oggi molto più silenziosi di un tempo, lo stesso vale per la tecnologia di recupero del calore. Oggi, forse, non ci si accorge nemmeno della sua presenza in casa. A meno che non si avvicini l'orecchio alla bocchetta di ventilazione: solo allora si noterà l'intenso flusso d'aria.

"Nei tubi del recupero di calore cresce la muffa."

installation.jpg

I condotti sono necessari per il recupero e alcuni critici si aspettano che vi si formino muffe. Ma i microrganismi non hanno alcuna possibilità di attecchire. Il sistema di condotti è ricoperto da un rivestimento antibatterico.

Pro e contro del recupero di calore

Il maggiore svantaggio del recupero di calore è ovviamente il prezzo di acquisto. Se ne parlerà nel prossimo capitolo. Parliamo ora dei suoi vantaggi.

1) Aria fresca garantita tutto l'anno, riduzione degli odori indesiderati

Non sarete più costretti ad aprire finestre in inverno. L'unità di ventilazione del sistema di recupero del calore fornisce alla vostra casa aria fresca a una temperatura confortevole per tutto il giorno.

2) Basta umidità

Anche ai proprietari di case più vecchie, soprattutto quelle soggette a condensa sulle pareti, converrebbe valutare l'opzione del recupero di calore. Nessuna delle pareti è particolarmente raffreddata, non si verificano pertanto le condizioni per la formazione di muffa.

3) Adatto anche per chi soffre di allergie

Grazie all‘alta qualità dei filtri, polline o pulviscoli non entrano in casa insieme all'aria fresca.

4) Riduce il radon

Alcuni edifici presentano concentrazioni di radon più elevate. Il recupero a pressione leggera è una soluzione efficace per eliminare questo pericoloso elemento radioattivo.

L'efficienza del recupero

Se il 100% di successo del recupero di calore è un'ipotetica ventilazione senza perdita di energia e lo zero è pari alla classica ventilazione tramite l'apertura di una finestra (in cui l'aria calda viene estratta all'esterno senza benefici e quella fredda viene introdotta nella stanza, che si raffredda alla temperatura esterna), allora l'efficienza reale del recupero di calore, ossia l'efficienza degli scambiatori di calore a piastre convenzionali, è superiore al 50%. I modelli migliori superano anche il 75-80%.

Pulizia del sistema di recupero

Il sistema di recupero del calore deve essere pulito regolarmente per evitare che sporco e batteri si diffondano nell'edificio. Queste impurità si nascondono nei condotti di scarico, nello scambiatore di calore, nei filtri e sui ventilatori. La pulizia è consigliata una volta all'anno, secondo le istruzioni del produttore.

Prodotti correlati

1.502,56 € IVA inc.
Avvio spedizione solitamente entro 13 giorni lavorativi
1.217,57 € IVA inc.
Avvio spedizione solitamente entro 240 giorni lavorativi
196,81 € IVA inc.
Disponibili 1 pz
Avvio spedizione Lunedì 22. 4.
49,07 € IVA inc.
Disponibili 1 pz
Avvio spedizione Lunedì 22. 4.
sconto
92,40 € IVA inc.
Disponibili 1 pz
Avvio spedizione Lunedì 22. 4.
183,06 € IVA inc.
Avvio spedizione solitamente entro 15 giorni lavorativi
248,05 € IVA inc.
Avvio spedizione solitamente entro 15 giorni lavorativi
Torna su