Salta al contenuto principale

La storia del bagno – come si lavavano i nostri antenati e che aspetto aveva il loro bagno

Non è un segreto che i nostri antenati non fossero il massimo in fatto di pulizia. Soprattutto nel medioevo, il livello di igiene diminuí notevolmente: l'acqua era persino il nemico. Al contrario, per gli antichi greci e romani, la pulizia del corpo era una cosa ovvia. Scoprite la storia dei bagni nelle varie fasi della civiltà umana!

Antichità: fare il bagno come un Dio

La tradizione della cura regolare del corpo fu stabilita dagli antichi egizi, noti per la loro pulizia e l'uso di cosmetici. Il sapone ebbe origine in Babilonia 2000 anni aC e presto raggiunse l'Egitto. Fu l'Egitto a dare vita al rituale del bagno: ad esempio, si credeva che più una persona fosse pulita e unta, più si avvicinava agli dei. Pertanto, gli egiziani si lavavano più volte al giorno e il bagno era per loro letteralmente una spa.
 

Le terme – parte di una cultura

main-qimg-1479fdd1570b82e95b0ed99290863281.jfif

Anche gli antichi greci e romani sapevano che la pulizia era la chiave della salute. La più antica vasca da bagno in terracotta fu rinvenuta a Creta e la sua età è stimata in 3.700 anni. La maggior parte delle città romane aveva terme dove i cittadini non solo si lavavano, ma stabilivano anche relazioni sociali.

Consistevano in un grande complesso di edifici che comprendevano piscina, spogliatoi, campi sportivi, sauna, ecc. Tra le più famose, le Terme Stabiane, scoperte a Pompei, risalenti al II secolo a.C.

 

Incontri sociali al bagno

Lo stesso valeva per i servizi igienici pubblici. Non c'erano pareti divisorie e i sedili del water erano spesso posizionati uno di fronte all'altro in modo che i loro utenti potessero godersi la reciproca compagnia e avere discussioni animate. Come carta igienica veniva utilizzata una spugna naturale, che - come si può intuire - era usa e getta. E potrebbe sorprendervi, ma giá da allora nacque l'idea di fare soldi nei bagni pubblici. Venne all'intraprendente imperatore Vespasiano, che tassó le toilette. Anche dall'urina era possibile trarre ricavo, essendo ricca di ammoniaca, che veniva utilizzata nelle concerie per pulire i tessuti.
 

Alto Medioevo: igiene rurale

shutterstock_99185930.png

Sebbene la situazione in termini di igiene fosse notevolmente deteriorata nel medioevo, all'inizio non era così terribile. I nostri antenati si lavavano almeno le mani, il viso e la barba. Nella maggior parte delle abitazioni si accontentavano di un lavandino e di una brocca d'acqua, nelle famiglie più ricche usavano una cisterna sospesa con rubinetto. I più ricchi avevano un bagno nelle loro dimore, che era considerato un segno di lusso e di alto status sociale. Nonostante ciò, in questo periodo la maggior parte delle persone si lavava in campagna, spesso direttamente nelle stalle. A differenza dei ricchi, desideravano lavare via tutto il sudore dopo il lavoro. Paradossalmente, i poveri erano i più puliti.

Col tempo comparvero anche i bagni pubblici, che hanno goduto di una notevole popolarità. Era possibile tagliarsi i capelli, radersi o sottoporsi a cure estetiche e persino mediche. Nel corso del tempo, tuttavia, furono distrutte da inondazioni in tutta Europa.
 

Lavarsi? Immorale!

Successivamente, purtroppo, l'igiene peggioró drasticamente. Fare il bagno era considerato peccato e dannoso per la salute. Ad esempio, San Girolamo vedeva il bagno quotidiano come una dissolutezza. Per questo motivo i monaci dei monasteri lavano il loro intero corpo solo poche volte all'anno.
 

Protezione contro la peste

Pensate che non si potesse peggiorare? Sbagliato. Quando l'epidemia di peste si diffuse in Europa nel XIV secolo, la gente smise del tutto di prestare attenzione all'igiene. Credevano che i pori aperti rendessero più facile l'ingresso della malattia nel corpo. Al contrario, uno strato di terra li avrebbe protetti. L'acqua era ancora considerata dannosa, anche tra i le classi nobili. Preferivano raschiarsi con uno strigile d'avorio e coprire le abrasioni del corpo con le polveri e le fragranze più rare...
 

Igiene alla corte del re

Nel XVII secolo le cose ancora non andavano molto meglio. Re Luigi XIV di Francia fece il bagno solo due volte nella sua vita e una di queste quasi gli costó la vita. Si dice che non ci fosse neanche un bagno nella sua reggia di Versailles, e ai ballerini toccava fare i propri bisogni in un angolo della sala da ballo.
 

18. secolo: acqua e sapone tornano in scena

Solo nel XVIII secolo l'acqua e il sapone tornarono in gioco. Tuttavia, la nudità era considerata inappropriata, le persone quindi spesso si lavavano in camicie da bagno, attraverso le quali si insaponavano. E come funzionava questo bagno? Una volta alla settimana, la serva tirava fuori dal ripostiglio una vasca in stagno o latta e vi versava acqua calda, in cui l'intera famiglia si succedeva a fare il bagno... C'è ancora molta strada da fare per arrivare ai bagni di oggi.
 

Cambiamenti in seguito alla rivoluzione industriale

Tuttavia, un ritorno completo all'igiene non ebbe luogo fino al XIX secolo, quando Ignác Semmelweis elaborò la teoria dei batteri e divenne così un pioniere dell'igiene nella medicina e nella vita quotidiana. Grazie alla rivoluzione industriale, l'accesso della popolazione a prodotti igienici come sapone, attrezzature per il bagno, ecc. aumentò. Cominció la costruzione di sistemi fognari nelle città. Il bagno e le relative attrezzature ebbero un enorme sviluppo e si diffuse l'uso del bidet.
 

Gli americani e i loro bagni

Il rapido sviluppo economico degli Stati Uniti nel XIX secolo richiese la costruzione di hotel, e quelli di lusso avevano uno spazio igienico separato. I bagni come li conosciamo adesso, con vasca da bagno, lavabo, specchio e WC acquistarono presto popolarità anche nelle abitazioni private. A metà del XX secolo, piccoli appartamenti dotati di bagni moderni erano considerati lo standard della civiltà. Una crescente attenzione venne dedicata non solo alla praticità del bagno, ma anche al suo design.

Prima dei bagni confortevoli a cui siamo abituati oggi, nel 21° secolo, i nostri antenati hanno dovuto fare un viaggio lungo e tortuoso. L'approccio all'igiene del corpo umano è cambiato molte volte nel corso dei millenni. Oggi disponiamo di innovazioni tecniche che Luigi XIV non si sarebbe nemmeno sognato!

Prodotti correlati

1.899,39 € IVA inc.
Disponibili 5 pz
Avvio spedizione Martedì 6. 12.
2.501,20 € IVA inc.
Avvio spedizione solitamente entro 17 giorni lavorativi
3.320,81 € IVA inc.
Avvio spedizione solitamente entro 17 giorni lavorativi
2.916,35 € IVA inc.
Avvio spedizione solitamente entro 17 giorni lavorativi
2.588,65 € IVA inc.
Avvio spedizione solitamente entro 17 giorni lavorativi
2.213,83 € IVA inc.
Avvio spedizione solitamente entro 17 giorni lavorativi
Torna su